Cagliari in Serie A per restarci, la salvezza è più che possibile

Il Cagliari, dopo un solo anno di serie cadetta, ritorna meritatamente in A e lo fa in maniera spettacolare, dopo aver dominato il campionato scorso e con una campagna acquisti di tutto rispetto.

Cagliari ritorna in serie aPartiamo dalla base: l’ossatura della squadra è rimasta sostanzialmente la stessa, con un portiere di esperienza come Storari, una difesa giovane composta da Salomon e Murru sulla fascia e un centrocampo tutto italiano che abbina qualità e quantità, formato da Ceppitelli, Di Gennaro e Dessena. Il reparto avanzato, probabilmente troppo forte per la Serie B, è composto da giocatori importanti come Sau e Giannetti, assieme a Joao Pedro e Farias.

La società, in questo mercato, ha investito bene, in maniera oculata, portandosi a casa pezzi pregiati a un prezzo abbordabile. Primo fra tutti il neo campione d’Europa Bruno Alves, difensore roccioso e di esperienza, seguito poi da Isla, che dopo una non felice esperienza alla Juventus e una serie di prestiti prova a riscattarsi in Sardegna, e da Panagiotis Tachtsidis, preso in extremis nell’ultimo giorno di mercato. A centrocampo si presenta Simone Padoin, jolly ex Juve; mentre per rafforzare il pacchetto offensivo i colpi son stati Ionita dall’Hellas Verona e il bomber girovago Borriello, che saprà sicuramente fare la sua parte. La squadra parte abbastanza collaudata e con gli innesti giusti si potranno raggiungere grandi risultati. E’ ciò che si augura una piazza calda come quella del capoluogo sardo, che dopo un anno di purgatorio spera di tornare ad essere in pianta stabile una realtà della migliore lega italiana.

Sarà interessante vedere mister Rastelli all’azione in un campionato più difficile e competitivo rispetto a quello a cui era abituato; questa potrebbe esser l’occasione buona per dimostrare il suo valore.

Ovviamente i tifosi non faranno mancare il loro supporto, vista anche la coesione città-squadra. Sembra tutto apparecchiato per una grande stagione, il cui obiettivo minimo è la salvezza, che una volta raggiunta potrebbe indurre ad optare per posizioni migliori.

Le difficoltà saranno varie, come il gap tecnico con le top del campionato e l’inesperienza di alcuni elementi, ma i nuovi giocatori sono stati comprati proprio per questo motivo.

La curiosità sarà vedere se questa compagine riuscirà a proporre il gioco offensivo che ha caratterizzato la passata stagione e, in caso positivo, con quale intensità lo farà.

La società, dopo qualche annata un po’ burrascosa, sembra più serena e l’ambiente è tranquillo, con il giusto mix di giovani ed esperienza. Ora tocca al campo decretare se i rossoblu meritano o meno la categoria maggiore, o se addirittura possono ambire a risultati di certo più appetibili.

Il pareggio rimediato in casa contro la Roma nella seconda giornata, riuscendo a ribaltare i pronostici di tutti i siti di scommesse, compreso skybet.it, lasciano presagire che sarà un’annata ricca di soddisfazione per la Sardegna intera. Noi da tifosi rossoblu non possiamo che augurarcelo. (617)

You must be logged in to post a comment Login