Due racconti e una poesia di Roberto Mulas

Leggendo “Due racconti e una poesia” (41 pagineBookSprint Edizioni , versione ebook disponibile) ciò che colpisce è la semplicità.

Roberto Mulas, medico con la passione della scrittura, crede fermamente che l’utilizzo di strumenti minimi sia il modo migliore per mantenere integra l’intensità delle emozioni che vuole trasmettere e, nel contempo, incuriosire il lettore.

Ritiene, per i due racconti e la poesia presente nel volume, che la forma più consona per fare ciò sia la forma breve e il verso libero.

Esemplari di questa tendenza sono le illustrazioni presenti. Semplici figure tratteggiate a matita, in grado di essere tanto scarne quanto evocative.
 Nel primo racconto intitolato “K”, Roberto Mulas sceglie di affrontare il tema della malattia e del cancro attraverso l’esperienza umana dei personaggi. Profonda è la conoscenza della questione, attenta l’osservazionecruciale l’esperienza di medico, dalla cui professione nasce l’ispirazione per “K”. È una lettura che lascia con l’amaro in bocca, sorprendendo per la forza della forma e dei contenuti.
Il secondo racconto, “Ultimo minuto”, gioca con il concetto di tempo e di pluralità e che coinvolge le vicende, contemporanee, di sei personaggi che non s’incontrano ma le cui vite sembrano destinate ad intrecciarsi. Infine la poesia “San Clemente” (posta fra i due racconti) in cui l’immagine della nebbia s’impone come suggestione reale e spirito metaforico.

È un libro che tende a mettere in prospettiva il ruolo dell’uomo di fronte al destino e alla sua stessa sensibilità. L’autore d’altronde pare esserne consapevole visto che sceglie di introdurre il proprio lavoro con una citazione dall’Epopea di Gilgamesh, il racconto epico più antico pervenutoci, che dice: 

L’uomo, il più alto, non può raggiungere il cielo, l’uomo, il più grosso, non può coprire la terra”.

A riconferma di quanto piccoli, ma al contempo importanti siamo, per l’universo.

(568)

You must be logged in to post a comment Login