E arribenni Rumundu….dopo il giro del Mondo

Partito circa un anno fa, Stefano Cucca, 35 anni, di Sorso, è tornato sull’isola dopo 32mila chilometri in sella, dall’Europa agli Stati Uniti, dall’Australia al Sud Africa, passando per Cambogia e Indonesia e atteso a Sorso per l’8 giugno per concludere il suo giro del mondo da dove l’aveva iniziato.

La bandiera dei quattro mori sistemata sulla sua bicicletta ha calamitato l’attenzione dei tanti sardi sparsi per il mondo, dal Nord Europa sino agli Stati Uniti e oggi ha attirato l’attenzione allo sbarco a Cagliari.Dopo 365 giorni e trentaduemila chilometri è sbarcato questa mattina al porto di Cagliari, accolto da amici, parenti e giornalisti, dal traghetto partito ieri sera da Napoli. «Per raccontare questo viaggio – ha detto appena sceso dalla nave, barba lunga, ma serenissimo – ci vorrebbero due mesi. O magari solo silenzio. La cosa più bella? Le persone. Il posto più sostenibile? L’Islanda».

Un percorso che non finisce: Cucca ora «salirà» per 200 chilometri verso la sua Sorso. Ma tutto quello che ha visto e raccolto nella sua testa diventa una rampa di lancio per una nuova avventura. «Mi piacerebbe lavorare ancora con le start up – ha spiegato – magari creare un fondo per le realtà sostenibili». Un concetto che ha spiegato subito anche al presidente della Regione Francesco Pigliaru che lo ha accolto al palazzo di viale Trento appena arrivato nel capoluogo.

  (498)

You must be logged in to post a comment Login