Gli angeli di Lourdes di Tonino Cau

 Oggi leggendo fra gli “stati” di Facebook degli amici che condividono con me i propri pensieri, ho trovato questo di Tonino Cau componente del gruppo Tenores di Neoneli  al quale ho chiesto il permesso e pubblico integralmente qui sotto….. Buona Lettura Mario Delrio

Buona domenica a tutti, un componimento del 2008, quando cantammo a LOURDES. Mi viene in mente perché a giorni a Lourdes si festeggia il 156° anniversario della prima apparizione Mariana a Bernadette.

Il popolo che trasporta gli ammalati è gente come noi, ma quasi tutti sono in qualche modo “speciali”…..

Gente che rinuncia al tempo libero, che spende di tasca, che fa tanti sacrifici anche fisici, per aiutare gli altri, gli infermi che in quel luogo santo, si creda o no, guadagnano una speranza nuova, alimentano una vera fede.

Conosciamo tanti amici (vero Cristina, Caterina, Bruna…?) che anche a me hanno dato tanto. Allora ripenso alla piccinerie della vita, al nostro sgomitare quotidiano per cercare di prevalere uno sull’altro solo in nome dell’ambizione, ai disvalori in nome dei quali scendiamo a bassissimi compromessi con la nostra coscienza.

Allora ripensare a queste persone potrebbe contribuire a fermarci un attimo, a fare una serena autocritica e metterci in discussione. Forse, lo dico per chi è in politica, ne guadagnerebbe l’etica del bene comune.

Forse misureremmo il nostro agire non in termini meschini di egoismo, ma solo in termini di “essere di servizio” per la gente. Vi abbraccio tutti, e soprattutto gli “angeli” di Lourdes.

AnghelosIn d’unu logu santu
omines e feminas,
in sa carena e in s’anima dolentes,
ap’idu cun ispantu,
letigas, portantinas,
cun fiotos de persones suferentes,
preighende a mod’insoro,
cun s’ispera in su coro,
comente faghen totus sos credentes,
isetende devotos
de ismentigare sos males connotos.

Su los bider gasie
cristianos in pena,
non fit abberu unu bellu ispetaculu,
isetende sa die,
preighende a boghe piena,
de che frundire letiga cun baculu,
ma fini risulanos,
e cun sa fide in manos,
isetende mancari unu meraculu,
dae Maria sa perfeta
chi est bessida incue a Bernadetta.

Sa Madonna incue
a sa pitzinna umile
l’at nadu cosas de importu mannu,
comente in d’una nue,
subra de un’orrochile,
bessida est tantas bortas in d’un’annu:
« Faghide una cappella
in custa zona bella,
eo ti racumando sena ingannu,
e nara a onzi persone,
chi benzana a inoghe in crufessone.»

Passadu ch’est gasie
unu seculu e mesu,
e sa Madonna ‘e Lourdes at abbertu,
sas alas da inie,
andada ch’est atesu,
amparu a sos cristianos at ofertu,
dae totus sos cuzones
bi andan’a miliones,
fideles cun ispera e sena chertu,
chi siat acansada
nessi una grazia dae s’Imaculada.

Narana sos credentes
fatos meraculosos,
tantos sanados dae morte segura,
ateros suferentes,
cun males orrorosos,
de cussos chi nesciunu agatat cura,
sa grazia ana retzidu,
e donzi anneu an bidu,
andadu in fumu cun sa disaura,
e a domo sun torrados,
sanos e in sa fide cunfortados.

Si tue a Lourdes andas
cun animu devotu,
nessi cun d’una grazia as a torrare,
s’egoismu abbandas,
e su coro de botu,
s’abberit, e ti faghet meledare,
si retzis cussu donu
e ti faghes pius bonu,
sa vida menzus che l’as a passare,
pensende calchi die,
a ch’istat peus, e non solu a tie.

Ap’idu in cussu logu
anghelos in presentzia,
cun affligidos e malassortados,
offerrer disaogu,
azudu e assistentzia,
cun grandu amore, disinteressados,
su sero e su manzanu,
su bonugoro in manu,
semper andende, alligros e cansados,
pro abbrandare apenas,
a sos dolentes anneos e penas.

Cussos bonos cristianos,
ana famiglia e fizos,
cun d’una vida e unu tribbagliu insoro,
parene segrestanos,
e a chie est in fastizos,
aporrin totu s’anima e su coro,
cuntentos sun gasie,
los bides onzi die,
paret chi an’agatadu unu tesoro,
paret chi tenzan gosu,
de azuare a chie est bisonzosu.

Cussa zente maseda,
chi lassat su foghile,
possedit una forte umanidade,
gastat dinare meda,
cun sa cara deghile,
e sa ‘isura de sa bonidade,
no tenet nudda ‘e bender
ma nos faghen cumprender,
abberu it’est sa solidariedade:
un’istrina de lughe,
a chie patit e bivet in rughe.

Cussa zente amorosa
m’at fatu arrejonare,
apo cumpresu it’est su patimentu,
e no b’at menzus cosa,
si podes cunsolare,
a chie bonu fadu no at tentu,
cussa grazia retzida
ti cambiat sa vida,
torras a domo serenu e cuntentu,
e pensas a s’ispantu,
d’esser istadu in d’unu logu santu.

Tonino Cau, 18 settembre 2008

I tenores  a Lordes (2008)

I tenores a Lordes (2008)

 Angeli (traduzione)

In un luogo santo
uomini e donne,
addolorati nell’animo e nel fisico,
ho visto con meraviglia,
barelle e portantine,
con tante persone sofferenti,
pregando a modo loro,
con la speranza in cuore,
come fanno tutti i credenti,
aspettando devoti
di dimenticare i mali conosciuti.

Vederli così
cristiani in pena,
non era proprio un bello spettacolo,
aspettando il giorno,
pregando ad alta voce
di gettare via barella e bastone,
ma erano felici,
con la fede tra le mani,
magari aspettando un miracolo,
da Maria la perfetta,
che apparve là a Bernadetta.

Lì la Madonna
all’umile fanciulla
ha detto cose di grande importanza,
come in una nuvola,
sopra una roccia,
è apparsa tante volte in un anno:
“Fate una cappella
in questa bella zona,
io ti raccomando senza inganno,
e racconta alle persone,
di venire qui in processione!”

Così è passato
un secolo e mezzo,
e la Madonna di Lourdes ha aperto,
le ali da laggiù,
è andata lontano,
offrendo riparo ai cristiani,
da ogni angolo
vi si recano milioni di persone,
fedeli con la speranza e senza conflitti,
affinché sia concessa
almeno una grazia dall’Immacolata.

Dicono i credenti
di fatti miracolosi,
tanti guariti da morte certa,
altri sofferenti,
con malattie orrende,
di quelle che non si possono curare,
hanno ricevuto la grazia,
e ogni affanno hanno visto
andare in fumo, assieme alla sfortuna,
e a casa hanno fatto ritorno,
sani e confortati nella fede.

Se vai a Lourdes
con l’animo devoto,
tornerai almeno con una grazia,
lascerai da parte l’egoismo,
e il cuore ad un tratto
si apre, ti fa pensare,
se ricevi quel dono,
e diventi più buono,
migliorerà la tua vita,
pensando qualche giorno,
a chi sta peggio, non solo a te stesso.

In quel luogo ho visto
la presenza di angeli,
con afflitti e sventurati,
offrire svago,
aiuto e assistenza,
con grande amore, disinteressatamente,
la sera e la mattina,
il buon cuore nelle mani,
sempre in movimento, allegri e stanchi,
per lenire un po’
le pene ai sofferenti.

Quei buoni cristiani
hanno famiglia e figli,
con un lavoro e una vita loro,
sembrano sacrestani
e a chi è affannato
porgono l’anima e il cuore,
sono contenti così,
li vedi tutti i giorni,
sembra che abbiano trovato un tesoro,
sembra che godano
aiutando i bisognosi.

Quella gente mansueta,
che lascia il focolare,
possiede una forte umanità,
spende molti soldi,
col viso aggraziato,
e lo sguardo della bontà,
non ha niente da vendere,
ma ci fa capire
davvero cosa è la solidarietà:
un’offerta di luce
a chi soffre e vive in croce.

Quella gente amorosa
mi ha fatto riflettere,
ho capito cosa è la sofferenza,
e non c’è di meglio,
se non consolare
chi non ha avuto fortuna,
quella grazia ricevuta,
ti cambia la vita,
torni a casa sereno e contento,
e pensi alla meraviglia
di essere stato in un luogo santo. (428)

You must be logged in to post a comment Login