Il Bacio

 

Il Bacio

uomo misterioso 
non baciare le mie labbra 
in questa notte assetata d’amore
non farlo per il semplice gusto 
di sentire il sapore dell rosso rossetto 
non lasciare andare le mani 
sul mio corpo,
anche solo con l immaginazione di essere 
passione
non farlo,ti prego .
Rimani nel tuo ego
e nel buio di questa notte pensami 
ma non come un fuoco che arde, 
ma come bambina che cerca pace,
in un abbraccio sconosciuto.
Portami via , 
e non sentirò più il tuo volermi nel sesso….. 
ma solo in quel che esso realmente vorrei che racchiudesse 
uno sfiorare di labbra
che durasse tutta la notte
attraverso il mio letto. 
Addio uomo sconosciuto 
neanche in questa notte io realmente ,
ti ho conosciuto…….. 
Falloni Alessandra

l’autrice della Poesia – Alessandra Falloni

 

L’opera a cui si è ispirata l’autrice dei versi e il Bacio di Rodin

il bacio - rodin (museo rodin parigi)
Il Bacio – Rodin (museo rodin parigi)


(Il Bacio) e’un gruppo scultoreo di Auguste Rodin , ispirato alla vicenda dantesca di Paolo e Francesca.
L’opera raffigura due corpi nudi, (Paolo e Francesca), seduti.

L’uomo ha una postura piuttosto trattenuta, passiva,mentre la donna sembra prendere l’ iniziativa,abbandonandosi completamente al desiderio.

Alcuni sostengono che la coppia sia in realtà il ritratto dello stesso Rodin e della sua amante Camille Claudel.

Sicuramente, in ogni sua realizzazione il corpo della donna e’quello che viene posto in primo piano, non tanto nel semplice intento di rappresentarlo esteticamente, quanto a rendere esplicito il groviglio di istinti e sentimenti tipici dell’animo femminile.

La tecnica dell’artista che si basa su un gioco di vuoti e di pieni riesce ad infondere una tale vitalità alla materia che chi osserva quasi percepisce la sequenza dei movimenti dei due amanti. Il Bacio,

 

(538)

Lascia un commento