LA DINAMO BASKET PROMOSSA IN A1.

Foto tratta da www.dinamo1960.blogspot.com

All’inizio della stagione nessuno ci avrebbe scommesso un solo centesimo. Invece il sogno dei cinquemila del Pala Serradimigni e di tutta la Sardegna cestistica si è avverato domenica 13 giugno 2010.
La Dinamo Banco di Sardegna, per la prima volta nella sua storia, raggiunge la massima serie del basket in Italia e la promozione arriva nell’anno del cinquantesimo anniversario dalla fondazione della Polisportiva Dinamo, proprio un bel compleanno.
La stagione aveva visto la squadra sassarese dominare il girone d’andata, ma dopo le Final four, disputate peraltro proprio a Sassari, c’è stato un’inversione di tendenza che ha gettato nello sconforto anche i tifosi più fiduciosi. Sembrava che la squadra avesse dimenticato come si gioca a pallacanestro così, dopo aver visto partire il treno della promozione diretta per raggiungere la serie superiore, non restava che affidarsi ai playoff.
Ed è proprio nei playoff che la squadra del coach Sacchetti ha trovato lo smalto dei tempi migliori, quell’energia e quell’entusiasmo che l’aveva fatta primeggiare nel girone d’andata. Dopo aver eliminato nell’ordine Pistoia e Casale i sassaresi hanno dovuto incrociare le lame con una delle squadre più forti del campionato, la Prima Veroli che, grazie al miglior piazzamento a fine stagione regolare, poteva contare sul fattore campo giocando in casa le prime due gare e l’eventuale bella.
I playoff sono articolati al meglio delle cinque partite e Veroli si è aggiudicata la prima per 95 a 82. Ma con una prova maiuscola in gara 2 la Dinamo si portava sull’uno a uno concludendo la partita con un solo punto di vantaggio 89 a 90, dando un grosso dispiacere agli sportivi tifosi ciociari.
Per gara 3 si trasferiscono armi e bagagli in Sardegna ed è proprio in questo momento che si inizia a crederci veramente. I ragazzi di Sacchetti difendono con il coltello tra i denti ed attaccano all’arma bianca riuscendo ad avere la meglio sulla pur ottima Veroli 86 a 79.

Il capolavoro arriva in gara 4 con le ottime prestazioni di Hubalek, Kemp, Vanuzzo e Devecchi, ma a decretare la promozione è la straordinaria prova di Rowe che nel quarto quarto mette a tappeto la Prima Veroli.
Finale 99 a 78 e apoteosi al Pala Serradimisgni con la pacifica invasione di campo del popolo biancoazzurro.
La Dinamo Banco di Sardegna è promossa in A1. Un grazie da tutti gli sportivi della Sardegna ed in particolare da quelli sassaresi va alla famiglia Mele per aver allestivo una squadra di grande valore, a Meo Sacchetti, coadiuvato da Ducarello e Cau, che l’ha guidata con maestria accompagnandola ad un risultato storico e, naturalmente, un grazie di cuore a tutto il roster: Binetti, Kemp, Devecchi, Manca, Rowe, Baldassarre, Conti, Capitan Vanuzzo, Colombo, Hubalek, Spampinato, Doro e Cordedda.
Per concludere degnamente questa esaltante stagione bisogna tributare un doveroso, prolungato applauso e  la Dinamo Banco di Sardegna lo deve ai 5.000 appassionati che hanno sostenuto la squadra, anche nei momenti più difficili, e con il loro incitamento l’anno spinta al piano superiore.

Gianfranco Fine (439)

You must be logged in to post a comment Login