L’angolo del poeta : Timorìa

Cari amici, ci sono giorni in cui ci si alza con il malumore, senza che ci sia un motivo particolare.

Da giorni ho preso ad ascoltare “L’ultima Thule” del mio amico Francesco Guccini.

E la canzone che da il titolo al cd mi ha molto impressionato.

Stamattina mi ha ispirato questi pochi, tristi e malandati versi che offro alla vostra riflessione, con molto affetto.

 

Timorìa

Eo chi apo su mundu atraessadu
bolende subra de sos oceanos,
apo connotu populos lontanos,
e biddas e tzitades bisitadu.

Eo chi apustis de onzi cantada
fieru a domo semper torraia,
non so piusu comente una ia,
sa forza, mi nd’abbizo, ch’est andada.

In tantos annos mi suni mancados
sos brios pro andare car’a susu
amigos caros chi oe non sun piusu,
ma eo non los apo ismentigados.

Bido su tempus, m’intendo istasidu,
e fato bisos chi faghen tremare,
comente unu naviu in mesu mare,
acanta de annegare, ispoderidu.

Sende in anneu penso a su passadu,
e chirco inie no isco mancu ite,
non nde cumprendo mancu su proite,
parzo comente a unu cundennadu.

Sos milli versos meos istrinados
in milli palcos, de pagu valore,
cando s’at a cagliare su tenore,
seguru ca an a esser olvidados.

Timo sa die de s’urtimu apentu,
s’urtimu versu chi amus a intonare,
timo su tempus chi c’at a mundare
de su cantare nostru donzi ammentu.

Tonino Cau 5 febbraio 2013

 


(395)

You must be logged in to post a comment Login