Le nuove Banconote da cinque euro ….non funzionano nei distributori automatici

Troppo nuove per poter non portare qualche problema……il cambio della banconota da 5€ (euro) non funzionano nel 90% dei distributori automatici

la nuova banconota da 5 euro - non funziona nei distributori auomatici

Passata l’eccitazione per la novità, ecco che arrivano i primi problemi: le nuove banconote da 5 euro sono praticamente inutilizzabili nei distributori automatici. Tabaccai, benzinai, biglietterie della metropolitana, distributori di pasti caldi, parcometri, farmacie; insomma, tutte o quasi le macchinette le respingono come false.

Motivo? semplice Il software non è aggiornato, come scrive Repubblica che è andata a provare il biglietto col celebrato volto di Europa sull’ologramma in dieci città: Milano, Torino, Bologna, Napoli, Genova, Palermo, Parma, Firenze, Bari e Roma. Inutile provare a stirare, girare o cambiare verso: viene sputato fuori da 9 distributori automatici su 10.

Nessuna delle stazioni di servizio visitate (in Italia ce ne sono circa 24.500 con accettatori di banconote) ha una macchinetta aggiornata, quindi niente benzina. Il solo circuito di rifornimento dell’Eni avrà bisogno di almento tre mesi per poter essere aggiornato – dicono fonti del gigante petrolifero – analogo discorso per i tabaccai.

Su 56mila esercizi, 20mila hanno distributori automatici. Ma durante il test solo in un caso, a Roma, i 5 euro con il nuovo look sono stati presi.

A Bari non c’è stato verso di acquistare un caffè o uno snack all’università con quella banconota, salvo poi scoprire che funzionava in una biglietteria di un parcheggio in centro.
Ok, ma quanto costa questo aggiornamento software? “Bisogna riprogrammarli, il lettore ottico riconosce la lunghezza dei tagli, lo spessore e alcuni punti del biglietto. Noi facciamo pagare solo la chiamata del tecnico”, ha commentato il Gruppo AM, azienda bresciana che ha 5000 dispositivi in tutta Italia.

Già ma questa pare un’eccezione perché in media si parla di circa 70-100 euro. A Napoli purtroppo alcuni tabaccai si sono visti chiedere 300 euro; a Bologna anche 500 euro.

E poi ci sarebbe anche un altro problema: è davvero utile aggiornare ora i software quando fra poco usciranno anche i nuovi biglietti da 10 e da 20 euro, si domandano benzinai e altri commercianti?

(357)

Lascia un commento