RICHIESTA DI CONCORSO PUBBLICO TRA LE ASSOCIAZIONI DI SORSO PER LA GESTIONE DE “LA BILLELLERA”

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa lettera appello e richiesta alla pubbica amministrazione di Sorso di un concorso pubblico per la gestione della cosa pubblica……e precisamente del sito della Fontana della Billellera …..ecco qui di seguito la lettera inviata da Piero Murineddu chi vuole può seguire la vicenda nella pagina FB dell’autore……

foto dal web

Al Sindaco e agli Amministratori
Comune di Sorso

e p.c. Dirigenti di Settore pubblico
Direttore “La Nuova Sardegna”
Responsabili Associazioni

Oggetto: Richiesta di pubblico concorso tra associazioni per la gestione “La Billellera”

Egregio Amministratore,

riguardo la gestione del sito “La Billellera”, definita dalla Delibera n.29 del 14/02/2013 e le cui condizioni sono dettagliatamente decritte nell’Allegato A, disponibile agli atti sotto forma di “bozza”, sottopongo alla Sua attenzione quanto segue:

Nonostante l’espressa volontà delle parti contraenti (Ass. Culturale “La Billellera” e Comune), la scrittura privata risulta attualmente non registrata. Penso per evitare costi aggiuntivi e, voglio credere, non per negligenza. Chiedo se tale “bozza” abbia ugualmente valore esecutivo o se siano state apportate eventuali modifiche all’accordo, non riportate nel documento.

Dall’attenta lettura, ho constatato che gli accordi presi sono stati disattesi in alcune sue parti, specialmente per quanto riguarda la corretta e continua fruibilità dello spazio pubblico da parte della popolazione e degli occasionali visitatori. Da varie testimonianze, non risulta corrispondente ai fatti reali che il sito sia rimasto quotidianamente aperto ad orari regolari, dal giorno della stipula del contratto firmato in calce della Delibera dal dr Pietro Nurra e dal dr Walter Enzo Marchetiello e fino a tutto settembre 2013, come dichiarato pubblicamente dal Sindaco attraverso una lettera pubblicata nel quotidiano “La Nuova Sardegna” in data 31/10/013. In realtà, l’accesso è stato consentito SOLO in occasione di eventi straordinari.
Nella citata dichiarazione pubblica, il Sindaco ha preannunciato la regolare apertura quotidiana a partire dal 1/11/2013,servendosi di due Operatori del Servizio Civico, i quali stanno assicurandone anche la sorveglianza e la pulizia. Tale decisione, da una parte gradita perché finalmente l’importante Bene Pubblico è reso accessibile ai legittimi proprietari, ovvero i cittadini, dall’altra è prova che GLI ACCORDI PRESI NON SONO STATI RISPETTATI. In vari passaggi della Delibera è messo in evidenza che il gestore deve assicurare la cura ordinaria e la fruibilità pubblica, oltre tutti gli altri oneri a suo carico. Al Comune spettano SOLO gli interventi straordinari.

In tutto il lungo tempo di mancata fruibilità da parte del pubblico,l’Amministrazione Pubblica ha mancato alla sua precisa e doverosa vigilanza affinchè gli accordi presi venissero rispettati. Ritengo questo particolarmente grave, dal momento che si è permesso nei fatti, che di un Bene Pubblico ne usufruisse quasi esclusivamente un’Associazione privata.

L’art.9 dell’Allegato “A” parla della facoltà di risolvere la Convenzione nel caso venissero violati gli impegni assunti. Il testo precisa anche “ad insindacabile giudizio dell’Amministrazione Comunale”, frase che estrometterebbe direttamente la cittadinanza dal diritto-dovere di vigilanza riguardo ad un Bene di sua proprietà, e di conseguenza da un legittimo giudizio sulla corretta gestione del Sito in esame. Considero ciò un’ingiusta prevaricazione da parte di chi ha avuto la delega temporanea di amministrare la Cosa Pubblica. L’ “insindacabile giudizio” può lasciar spazio a possibili atteggiamenti preferenziali, se non addirittura clientelari. Duole dire questo, ma i fatti lo confermerebbero.

Con la presente, in vista della scadenza del contratto di gestione fissato per il prossimo 31 dicembre 2013,

SI CHIEDE

che venga indetto un pubblico concorso aperto a tutte le realtà associative presenti nel territorio comunale.

Inoltre,

SI CHIEDE

che due cittadini da tutti conosciuti e la cui stima è pubblicamente condivisa, facciano parte della Commissione, seppur senza diritto di voto.

E’ legittimo aspettarsi e pretendere che, coloro che aspirano ad occuparsi di un Luogo di grande e significativa importanza per la nostra Memoria collettiva, possano concorrere con pari opportunità.

A parere dello scrivente, la gestione dovrebbe avere durata annuale ed essere a rotazione, secondo l’ordine di classificazione. Questo per evidenziare il titolo provvisorio del compito affidato e accettato, e permettere che sia la maggior parte possibile dei cittadini, con la loro appartenenza alle varie associazioni di volontariato, a prendersi cura del Bene che, ripeto, appartiene a tutti e tutti ne devono beneficiare.

Si coglie l’occasione per porgere cordiali saluti

Sorso 14 novembre 2013 Piero Murineddu

(390)

You must be logged in to post a comment Login