Sapore di casa: 3 modi per mangiare sardo fuori dalla Sardegna

Sapore di casa: 3 modi per mangiare sardo fuori dalla Sardegna

Sempre più sardi, chi per un motivo, chi per un altro, si trasferiscono in altre regioni d’Italia, lasciandosi alle spalle l’amata isola. A partire sono principalmente studenti, se ne contano infatti oltre 10000, che per motivi di studio, hanno fatto i bagagli e hanno iniziato una nuova vita altrove. Ritrovare i sapori di casa fuori dalla Sardegna è difficilissimo, si tratta di gusti forti e inconfondibili che derivano dall’antica tradizione agricola. I prodotti sardi sono semplici, ma dal sapore deciso, come il classico pecorino oppure il vino Cannonau. Tornare spesso in Sardegna, poi, è complicato, per cui ci deve adattare ai sapori della nuova regione. Ritrovare i gusti di casa propria, questa la missione di ogni sardo fuori da casa propria.

Come mangiare sardo fuori dalla Sardegna

Il pecorino, il pane carasau, la fregola, la bottarga e i fichi d’india, assaporare questi prodotti e questi sapori anche quando si è in trasferta non è impresa semplice. Si tratta infatti di ingredienti tipici della tradizione sarda che da sempre caratterizzano l’isola, rendendola unica nel suo genere anche dal punto di vista enogastronomico. Dei modi per mangiare sardo anche in altre regioni d’Italia esistono, vediamo quindi insieme quali.

Mangiare a ristorante

Certo, pranzare o cenare al ristorante non è una cosa da tutti i giorni, ma può essere un metodo facile per riscoprire i sapori della propria terra. Nelle grandi città come Milano, Roma, Napoli e Torino è infatti molto facile trovare locali specializzati in cucina sarda che utilizzano prodotti originali. Starà a voi giudicare i loro piatti e decidere se vi faranno ritornare alla mente i pranzi a casa della nonna. Senza contare che, spesso e volentieri, molti locali si occupano anche della vendita dei prodotti tipici che usano nelle loro cucine.

Pacco da casa

Meglio noto come “pacco da giù”, è il metodo preferito degli studenti che periodicamente si fanno inviare un pacco pieno di prodotti da casa loro. Cosa contengono? Conserve di pomodoro, salumi, formaggi, verdure sott’olio, qualche prodotto tipico, olio d’oliva e chi più ne ha più ne metta. Fra tutti, questo è certamente il modo migliore per mangiare come a casa propria e può essere personalizzato su richiesta!

Acquistare nei supermercati

Può sembrare molto complicato ritrovare i veri sapori sardi in una città lontana chilometri e chilometri da casa: per le ricette sarde che vi vengono in mente servono gli ingredienti giusti. In realtà è possibile scoprire molti prodotti tipici sardi direttamente al supermercato, anche sul web. In questo senso possono tornare utili gli store online: tra le offerte della Coop ad esempio si può trovare il cannonau o il latte di capra 100% sardo, passando per il mirto. Un piccolo angolo di Sardegna nel carrello della spesa.

Farsi invitare a pranzo

Se si ha la fortuna di conoscere qualche sardo nella nuova città è bene approfittarne e sfruttare qualche scusa per farsi invitare a cena o a pranzo. In questo caso, non dimenticate mai di portare una bottiglia di vino o il dolce, così da ricompensare l’ospitalità. Una volta a casa loro, poi, si può sempre investigare e capire come riescono a reperire i prodotti che utilizzano. Ecco quindi qualche semplice trucchetto per apprezzare i sapori dell’amata Sardegna anche sul resto del territorio italiano: i piatti tipici dell’isola sono infatti così apprezzati che ormai è facile assaporarli ovunque.

(14)

You must be logged in to post a comment Login