Sorso: Orari della Biblioteca….la cultura col contagocce

I consiglieri del Pd del comuni di Sorso chiedono lumi circa il disservizio che si sta creando per la modifica degli orari durante i quali è possibile usufruire della Biblioteca Comunale, pertanto  vi pubblichiamo come l’abbiamo ricevuta,  l’ Interrogazione al  sig. Sindaco della quale è prima firmataria il consigliere comunale Maria Antonietta Foddai.

INTERROGAZIONE
Al Sig. Presidente del Consiglio
Al sig. Sindaco
Oggetto: orari di apertura biblioteca comunale periodo estivo
Premesso che
Ci sono pervenute dai cittadini svariate segnalazioni di disservizio a causa degli orari di apertura della biblioteca comunale per il periodo estivo, che prevedono l’apertura dal lunedi al venerdi la mattina dalle 8.00 alle 14.00, con due soli rientri pomeridiani il martedi
e il giovedi dalle 17.00 alle 20.00;
che tale articolazione di servizio evidenzia una marcata contrazione degli orari rispetto agli altri anni quando, solitamente, la biblioteca apriva quattro pomeriggi alla settimana – dal lunedi al giovedi dalle 15.00 alle 18.00 – mantenendo la stessa apertura oraria di mattina.
che i nuovi orari di apertura della biblioteca comunale sono stati diffusi senza la necessaria informazione e il rilievo pubblici, attraverso un unico cartello affisso all’ingresso della biblioteca.
Considerato che detta rilevante contrazione di servizi, nei fatti, riduce l’utilizzo ordinario dei servizi di biblioteca e le possibilità di accesso alle connessioni internet di cittadini e turisti tanto della biblioteca quanto del centro CAPSDA, qualificante servizio per Sorso città turistica.
Considerata l’ importanza dei servizi di biblioteca per la nostra città non solo per gli studenti (che durante l’estate probabilmente ne usufruiscono meno) ma per il cittadino comune visto che il CAPSDA non aprirà e vi sono quattro pc in meno e dal momento che la multimedialità è stato uno dei punti programmatici dell’attuale maggioranza.
Con la presente interrogazione si chiede:

per quali motivi l’amministrazione comunale abbia deciso di ridurre in modo così evidente l’orario di apertura della biblioteca comunale;
se il Sindaco, viste le proprie competenze in ordine alla disciplina degli orari degli uffici, abbia adottato apposito provvedimento del quale si abbia riscontro al protocollo; oppure se esiste un atto dirigenziale e se tale eventuale disposizione figuri al protocollo del Comune;
Se chi abbia adottato il provvedimento si sia avvalso del parere della commissione di gestione della biblioteca previsto dal vigente regolamento consiliare; Come mai detti orari non abbiano avuto la giusta rilevanza pubblica dovuta comparendo sul sito istituzionale del Comune e sulla stampa con adeguate comunicazioni di pubblico interesse;
Se risponde al vero l’imminente trasferimento del personale strutturato di ruolo della biblioteca ad altro servizio del Comune e se la contrazione del servizi di biblioteca al pubblico sia una delle cause di tale provvedimento;
Se da ultimo – stante il trasferimento in ipotesi – i carichi di lavoro che verrebbero a gravare sul personale a convenzione sarebbero rispettosi del vigente capitolato.
I consiglieri

(263)

Lascia un commento