Sossu, fatti bella…..per la miseriaccia zozza!!!

sorso-fattibella

Sorso, fatti bella…..!!!

di Piero Murineddu

clikka per ingrandire
Clicca sulla foto per ingrandire

pieromurinedduLo spunto è naturalmente preso dal post (qui a lato), in cui  si  vede la brillante idea avuta dai nostri vicini sennoresi – qualcuno, si capisce

– di trasformare una cosa negativa, qual’è stata purtroppo quella di dover abbattere delle alte e belle palme per colpa di quei stramaledetti punteruoli rossi, con aiuole originali e poco dispendiose. L’idea, l’ho detto, è stata ottima e intelligente. Pareva difficile immaginarsi il destino di questi poveri monconi di palme rimasti, ma a qualcuno è venuta l’intuizione.
Rinunciando a malincuore alla pennichella pomeridiana, ho fatto così lo sforzo di fare un  giretto per vedere lo stato del verde della mia Sossu.

In questi giorni abbiamo visto il gruppetto di operai impegnati di buona lena, a rifare il trucco alle varie rotatorie e a riempire sacchi di plastica con rifiuti sparsi qua e là per le strade e lungo le cunette. Sicuramente sarà un periodo di grande lavoro per loro, e sinceramente mi sento di ringraziarli per l’impegno messo a rendere la nostra cittadina più dignitosa, sopratutto per chi vi abita ho visto il parco mai inaugurato di via Europa dove si sta ultimando di tagliare l’erba. Altri spazi verdi invece sono letteralmente sommersi da alte erbe spontanee, come quello di via Mazzini e di Giorra.

Certo, siamo in primavera e la “natura” rinasce, ma obiettivamente si può affermare che a Sorso cura particolare per gli spazi pubblici non vi è mai stata. Ho fatto un salto anche a La Billellera, su cui preferisco tacere. Stessa cosa dei giardini davanti al cimitero. Insomma, lo stato generale non è molto piacevole da vedere e specialmente da starci. Voglio tornare però alle ex palme trasformate in aiuole.

Quelle fotografate si trovano specialmente nei giardini centrali e nella Billellera, dove le armate di punteruoli hanno colpito duro: sarebbe troppo vergognoso copiare l’idea dei vicini di Sennori? Se fate attenzione, in basso a sinistra si vedono anche le aiuole in cemento posizionate davanti all’ingresso della Biblioteca, diventati da quel dì normali porta-cicche, almeno per quelli che non usano la normale maleducazione di buttarle per terra dove capita.

(849)

Lascia un commento