Suite Romangia – vocaboli e frasi della parlata Sorsese – parte prima

Piccolo vocabolario sorsese, conservare le tradizioni come costumi e usanze, cucina, equivale a tramandare i ricordi, conservare la parlata equivale a identificarsi sempre e comunque come appartenenti ad un luogo specifico.

Per questo motivo proponiamo questa raccolta di vocaboli e frasi della ns. parlata.

Chi volesse coglierne il significato nella lingua italiana lo faccia nei commenti saremo lieti di offrirvi la traduzione.

A buzzèffa (Sòssu) = umbè

A càntiggu di mòscha (Sòssu) = abbandunaddu

A dirigg’a diriggu (Sòssu) = diricadamenti

A peòta (Sòssu) = andà a pedi

(V’) abia un incóggiu chi pariani dúi (Sòssu) = dittu a un imbriagoni

Accolli (Sòssu, Juan de Acotti 1627) = in origini un pararùmini, chi veni da la bozi “eccoli!”.

Accuglì a cucciàri (Sòssu) = si dizi di paissona, chi a auddu una maradia, un luttu o qui a pigliaddu coippi.

Acha (Sòssu, 1785) = no è più utirizaddu. Vidè Vacca.

Addes (Sòssu) = no è più utirizaddu. Vidè Addis.

Addis (Sòssu, 1780) = ancóra utirizzádu. Pruràri, è uguàri a lu vucàburu , (b)adde=valle. Múri Addis (e muru Addis), “lu muru di li Addis” o “d’Addis”, è un innòmu di campàgna.

Aggiutòriu (Sòssu) = aggiuddu

Àinu càgga dinà (Sòssu) = paissona chi trabaglia umbè

(511)

2 thoughts on “Suite Romangia – vocaboli e frasi della parlata Sorsese – parte prima”

Lascia un commento