Traslochi a Roma: quanto costa, chi contattare

Un trasloco può essere un’attività costosa, complessa e stressante. Per evitare tutto ciò è importante prepararsi per tempo, contattando una ditta di traslochi a Roma che prepari un preventivo dettagliato. Questo ci darà un’idea non solo dei traslochi roma prezzi, ma anche di quante azioni si devono svolgere per fare un trasloco.

Il preventivo: come leggerlo
Bene, abbiamo un preventivo, o magari anche più di uno, per un trasloco a Roma e lo stiamo leggendo. Questo documento riporta tutto ciò che il personale inviato dalla ditta dovrà svolgere: imballare i mobili e le suppellettili, inscatolare gli oggetti, traportare il tutto su un furgone, spostarlo al nuovo domicilio e risistemare tutto nella corretta ubicazione. Si tratta di un sacco di lavoro, il preventivo ci dà però un’idea di come ci si attiva per effettuare al meglio un trasloco. Se il costo finale ci sembra eccessivo possiamo decidere di “togliere” alcune delle voci presenti, ad esempio l’inscatolamento dei nostri averi o lo smontaggio dei mobili. C’è anche chi decide di togliere la maggior parte delle attività, pagando solo per il trasporto della merce, o addirittura noleggiando un mezzo idoneo. Sta tutto nell’organizzarsi al meglio e nel capire quanto lavoro si dovrà svolgere. Il preventivo riporta anche le ore lavorative impiegate, questo ci dà un’idea di quanto impegno dovremo profondere nel trasloco se decideremo per il fai da te.

Il costo effettivo di un trasloco
Come abbiamo detto traslocare comporta una lunga serie di attività. Ognuna di esse ha un costo specifico, che dipende poi da una serie di fattori. Difficilmente una ditta di traslochi potrà fare un preventivo senza un sopralluogo dell’abitazione, che permette di valutare la quantità di cose da spostare e anche le dimensioni dell’appartamento. Il costo del trasloco infatti dipende anche dall’area totale dell’immobile o dell’appartamento da spostare. Un altro elemento importante riguarda la distanza tra la vecchia casa e il nuovo domicilio, visto che tutti i nostri averi, caricati su un mezzo idoneo, dovranno percorrere tutti quei chilometri, portando ad un certo tempo di utilizzo del furgone e ad una specifica spesa per il carburante.

Traslochi low cost
Spesso chi trasloca ha acquistato una nuova casa, o ha pagato per l’affitto di un appartamento più grande del precedente. Oltre a questo in molti casi avrà saldato il conto di nuovi mobili ed elettrodomestici, o per qualche tipo di ristrutturazione. Se oltre a questo gli viene presentato un costo salato per il trasloco ovviamente la spesa potrebbe risultare eccessiva per le sue tasche. In queste situazioni è importante cercare di tagliare sul costo del trasloco. In realtà non tutte le spese possono essere tagliate, anche se non si richiede l’aiuto da parte di una ditta specializzata in molti casi si dovrà noleggiare un furgone, o un altro mezzo adatto al trasporto dei mobili; si dovranno pagare gli imballaggi e magari anche alcune ore di facchinaggio. Molto dipende dalle ore di tempo libero che si hanno a disposizione, considerando magari anche la possibilità di contattare qualche amico per un aiuto.

(6)