Cultura da esportazione …I Tenore di Neoneli e ZUIGHES

foto-tenores-neoneli

Ieri, 9 novembre 2014, è una data che non scorderemo: a Milano è partito il progetto dei Tenores di Neoneli: “ZUIGHES”.
Nella circostanza erano riuniti i rappresentanti ufficiali dei 71 circoli di emigrati sardi che operano in Italia, organizzati dalla F.A.S.I. (che è l’associazione dei circoli sardi in Italia …. ndr),
La F:A:S:I: aveva già ricevuto da parte nostra i libri appena stampati e li aveva già opportunamente distribuiti, per cui il pubblico attendeva incuriosito la prima dello spettacolo.
La prestigiosa sala del “Centro Cardinale Shuster” di Milano era gremita di sardi (non solo) provenienti da ogni angolo dell’isola e che l’isola la rappresentano nelle regioni generose del centro-nord italiano.
Lo spettacolo è stato aperto da una breve quanto azzeccata apparizione di una “Eleonora d’Arborea” rappresentata dalla ballerina Claudia Tronci che con la sua lettura ha preso per mano il pubblico invitandolo ad “entrare” nella storia, come in una favola: “C’era una volta una città….”.
È partita la storia dei giudicati, è partito lo spettacolo ZUIGHES che è storia e musica, canto e cultura.
Tanti emigrati, commossi, mentre ci chiedevano di autografare i libri, commentavano quasi all’unisono: “Ecco un modo per fare e trasmettere cultura”, “Ecco come la nostra tradizione si fa veicolo per trasmettere saperi e contenuti…”.
Io, che pure frequento i palchi da una quarantina d’anni, ieri mi sono commosso. Nella presentazione del progetto mi sono dovuto fermare due volte perché le lacrime m’impedivano di parlare: stava nascendo “una creatura” che attendevo da una decina d’anni. Soverchiato dagli applausi mi sono ripreso subito, ed è partito lo spettacolo, ZUIGHES ha aperto le ali, e si è creata un’atmosfera in cui dominava l’orgoglio di un popolo, il popolo sardo che vince contro ogni asperità, che combatte.

Noi, umili cantori di quel popolo, siamo orgogliosi di portarne il vessillo nel mondo.
Ora che il progetto è “nato”, vola e va.

La prossima settimana saremo in Brasile, poi in Toscana e Piemonte, poi si andrà in Europa e poi nuovamente un salto oltre oceano a New York, e in Oceania, e si tornerà quindi in Italia.
Ma andrà, cosa ancora maggiormente importante, nelle scuole sarde dove parlerà, in maniera musicale e artistica, della nostra storia agli alunni per molti dei quali Eleonora e Mariano sono solo monumenti e piazze.

Se grazie a ZUIGHES scopriranno un pizzico di storia, di grande storia della Sardegna, avremo colto nel segno. Ancora una volta il nostro cantare avrà avuto un senso, avrà trasmesso pillole di contenuti.
Allora, grazie a chi crede in questi valori e a chi condividerà questo percorso assieme a noi.
Grazie alla Fondazione Banco di Sardegna, che ha fatto suo il progetto, e a tutti coloro che lo sosterranno d’ora in poi. Grazie alla FASI che ha reso speciale il debutto di ZUIGHES, che si arricchirà nel percorso, di altri contributi artistici e culturali. Vi terremo informati, non abbiate dubbio alcuno. Intanto vi abbraccio tutti idealmente.

Tonino Cau – Tenore di Neoneli

cop-libro-zuighes-tenores-neoneli
La copertina del libro “ZUIGHES” di Tonino Cau – Tenores di NEONELI

(602)

Lascia un commento